fatturazione elettronica passiva

Il tema caldo della fatturazione elettronica ha un nuovo attore in scena: Mago4 è pronto per importare le fatture elettroniche passive direttamente in Contabilità.

A cura dell'Ufficio Marketing

Con la release 2.4 Mago4 rende disponibile la procedura per importare tutti i documenti ricevuti dai propri fornitori, scaricandoli direttamente dal portale Digital Hub Zucchetti, al fine di generare la relativa registrazione contabile.

La procedura di importazione scarica dal Digital Hub sia singoli documenti che lotti di fatture, ossia più fatture inviate dallo stesso fornitore. I documenti scaricati sono elencati in una griglia nella quale dovranno essere completati con alcuni dati necessari alla loro contabilizzazione (come fornitore, modello contabile e condizione di pagamento). Tali dati possono essere proposti automaticamente se il fornitore è già censito nelle anagrafiche (individuato per Partita IVA) e se contiene un proprio modello contabile preferenziale per le fatture e per le note di credito.

Se il fornitore non è ancora presente in archivio, può essere creato automaticamente attraverso un apposito bottone sulla toolbar, che provvede anche a censire gli eventuali dati della stabile organizzazione quando presenti, oppure può essere inserito al volo tramite il menu contestuale.

Nella selezione del modello contabile da utilizzare, il programma, oltre a proporre i modelli contabili congruenti con il tipo di documento (fattura/nota di credito), controlla che il modello selezionato sia corretto ai fini di un’eventuale gestione di reverse charge totale o parziale presente nel documento da registrare.

La registrazione contabile deve essere inserita per ciascun documento: attraverso appositi bottoni sulla toolbar è possibile visualizzare il contenuto del documento ricevuto e accedere alla registrazione contabile, che appare precompilata con il modello selezionato e con tutti gli importi presenti nel riepilogo IVA della fattura elettronica proposti nel castelletto IVA, abbinati a un codice IVA individuato attraverso l’aliquota o la natura IVA (o sottonatura IVA) specificati nel documento.

Nel Libro Giornale gli importi sono proposti sulla contropartita preferenziale del fornitore o in alternativa su quella presente nel modello contabile. Eventuali spese accessorie sono contabilizzate su una riga separata.

In definitiva la procedura di importazione scarica i documenti ricevuti dal Digital Hub, li abbina al fornitore se presente (oppure consente di censirlo in automatico) e permette di inserire ogni registrazione contabile con le modalità già note; uno dei plus è certamente la comodità di avere gli importi già proposti sia nel castelletto IVA che nel libro giornale, oltre alla possibilità di intervenire manualmente per correggere eventuali codici o contropartite.

Se invece si preferisce posticipare la registrazione contabile ad altro momento, non c’è nessun problema: i documenti scaricati rimangono disponibili nella griglia della procedura fino a quando non si registrano; entrando nella procedura, infatti, il programma elenca i documenti già scaricati, ma non ancora contabilizzati, consentendo di organizzare al meglio le proprie attività.

Dopo la contabilizzazione, le fatture elettroniche scaricate dal Digital Hub non appaiono più nella griglia della procedura, ma possono essere sempre visualizzate all’interno della rispettiva registrazione contabile.

Anche questa release 2.4 si avvale delle capacità di dialogo, apertura e integrazione dell’ERP Mago, permettendoti così di avvalerti delle potenzialità della soluzione one-click Digital Hub Zucchetti, per gestire il delicato flusso della fatturazione elettronica ed essere allineato da subito alla normativa.

Per saperne di più leggi il release note in Area Riservata e approfondisci le tematiche di fatturazione elettronica sul sito dedicato Zucchetti.